Licia Ronzulli

Ringrazio gli amici del Telefono Azzurro che da oltre 35 anni lavorano per promuovere il rispetto totale dei diritti dei bambini e degli adolescenti, per sostenere le loro potenzialità di crescita, per tutelarli da abusi e violenze e per garantire il loro benessere nel percorso di crescita.
Ecco perché aderisco con la massima convinzione al Manifesto per l’Infanzia e l’Adolescenza che condivido nel merito e sono pronta a sostenere con l’impegno di sempre anche nella prossima legislatura.
Da Presidente della Commissione parlamentare per l’Infanzia e per l’adolescenza ho condotto in questi anni molte battaglie a tutela dei diritti dei minori:
come quella contro il cyberbullismo e l’uso improprio del digitale sottolineando e stressando il Parlamento sull’importanza da una parte di una regolamentazione del web che non può continuare a essere una jungla dove le regole della vita reale non valgono, dall’altra sull’esigenza di formare ed educare i più piccoli adeguatamente all’uso del digitale che, al pari dell’educazione civica, deve diventare una materia scolastica.
O come quella contro il bullismo: un fenomeno in costante aumento che comporta il dilagare del disagio giovanile che da un lato compromette la quotidianità di migliaia di minori e dall’altro ne mina la crescita e un sano sviluppo e, quindi, anche il futuro. Proprio grazie al mio impegno in questa direzione, con la legge di Bilancio è stato finanziato un fondo destinato al contrasto di bullismo e cyberbullismo attraverso un’azione che, partendo dalle scuole, coinvolge le famiglie, il mondo delle associazioni e le Istituzioni a tutti i livelli.
Non solo, abbiamo anche scritto il V Piano Nazionale per l’Infanzia, dopo la drammatica esperienza del Covid che affronta il tema dell’importanza di incentivare i servizi educativi per l’infanzia, oltre che la necessità di riuscire a garantire a tutti i bambini l’accesso agli asili nido, superando le attuali criticità relative al numero di posti disponibili, specialmente in determinate regioni. E prevede anche la necessità di garantire forme di sostegno psicologico a scuola per aiutare i bambini e i ragazzi nella fase critiche della loro crescita.
Queste sono solo alcune delle tante battaglie che abbiamo combattuto e vinto in questi anni e che Forza Italia si impegna a portare avanti nella prossima legislatura: nel nostro programma di governo è previsto infatti un piano specifico per la natalità e l’infanzia che guarda alla famiglia e alla scuola come perni intorno ai quali promuovere il benessere dei nostri piccoli e garantire quei diritti fondamentali inviolabili attraverso strumenti concreti che aiutino a prevenire violenze, abusi, disagi.

Torna alla home