1.Intenzionalità. C’è la volontà nel perseguitare la vittima, metterla in difficoltà o a disagio

2. Frequenza. Questi atteggiamenti possono durare settimane, mesi, anni. Per questo ti consigliamo di informare al più presto un adulto!

3. Il bullo e la vittima non hanno lo stesso potere. Uno dei due è più forte, magari più grande di età.

4. La vittima non sa come difendersi. Si trova a subire la situazione e ne soffre ma di solito è isolata, perché per vergogna o per paura di vendette non ne parla con nessuno.

10 Novembre 2019

Potrebbe interessarti anche...

Ragazzi

Editoriale

Hai mai litigato con un amico o gli hai mai fatto uno scherzo? È una cosa frequente, che avviene sempre tra ragazzi che si conoscono bene. Il bullismo invece non è un gioco, è una prepotenza fisica e verbale messa in atto da una persona che andrebbe aiutata a capire che sta sbagliando.

Scopri di più

Ragazzi

Pubblicazione

Non basta un episodio. Un ragazzo è oggetto di bullismo quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto volutamente da uno o più compagni.

Scopri di più

Ragazzi

Pubblicazione

Il primo protagonista è chi esercita la prepotenza. Si tratta di una persona a suo modo fragile, che va aiutata.

Scopri di più

Sempre al tuo fianco

Nessun problema è troppo grande o troppo piccolo. Siamo qui per te 24 ore al giorno, 7 giorni a settimana.

Chiama 19696

Quando hai bisogno di parlare, chiamare è il modo più veloce

Chatta con noi

Connettiti con un nostro operatore in real-time con la nostra webchat

Scrivici

Preferisci scriverci? Nessun problema, contattaci via e-mail

Clicca e Segnala

Hai trovato
contenuti illeciti
e/o inadeguati?