Il primo passo è riconoscere il fenomeno: osserva, rifletti, contestualizza cercando di comprendere se si tratta di bullismo o meno. Fai attenzione ai segnali che potresti notare in classe e cerca di approfondirli, confrontandoti anche con gli altri colleghi.

●     Cerca di non minimizzare il problema, intervenendo con sicurezza di fronte a episodi di prepotenza, attenzionando i bisogni delle vittime e, in generale, del gruppo classe. Fai attenzione ai vissuti di tutti gli attori, anche di chi ricopre il ruolo di “spettatore”.

●     Cerca di creare un clima di ascolto reciproco e di fiducia, al fine di far comprendere ai ragazzi l’importanza di chiedere aiuto per se stessi e per gli altri; spiega che questo non è un atto di debolezza né un comportamento da “spia”, ma un modo coraggioso per fermare le violenze.

●     Aiuta la scuola a prendere consapevolezza del problema, nel caso anche con l’aiuto di un esperto, promuovendo e aderendo a iniziative di sensibilizzazione e/o formazione.

●     Contribuisci a promuovere una cultura di gruppo basata su solidarietà, collaborazione, empatia, rispetto delle diversità.

●     Valorizza il dialogo scuola-famiglia, creando a mano a mano un’alleanza educativa e un clima di collaborazione con i genitori e con la famiglia degli studenti. Questo atteggiamento permetterà di muoversi nella direzione di affrontare insieme il problema e promuovere un cambiamento e delle strategie utili che vadano al di là del solo ambiente scolastico.

●     Anche qualora non fossero presenti segnali di disagio o che possano far pensare alla problematica del bullismo, promuovi quotidianamente comportamenti positivi e valorizzali come modelli di riferimento.

11 Novembre 2019

Potrebbe interessarti anche...

Adulti

Editoriale

Nel percorso della crescita dei nostri figli il bullismo è una delle paure maggiori dei genitori. Gestirlo non è semplice, sia per il figlio che per il genitore, e le conseguenze psico-fisiche su chi subisce le prepotenze possono essere profonde e, talvolta, indelebili. per questi motivi è opportuno conoscere alcuni dei segnali, che possano ricondurre ad una problematica di questo tipo o, in generale, a un disagio.

Scopri di più

Adulti

Pubblicazione

Il genitore, e in generale gli adulti, ricoprono un ruolo molto importante, sia in termini di valutazione degli eventuali segnali di disagio, sia nell'aiuto alla gestione del problema.

Scopri di più

Sempre al tuo fianco

Nessun problema è troppo grande o troppo piccolo. Siamo qui per te 24 ore al giorno, 7 giorni a settimana.

Chiama 19696

Quando hai bisogno di parlare, chiamare è il modo più veloce

Chatta con noi

Connettiti con un nostro operatore in real-time con la nostra webchat

Scrivici

Preferisci scriverci? Nessun problema, contattaci via e-mail

Clicca e Segnala

Hai trovato
contenuti illeciti
e/o inadeguati?