Lasciti


Irene: una storia vera

Un giorno la Signora Irene, persona profondamente sensibile nei confronti delle figure più deboli che possono essere oggetto di abuso, venne a conoscenza delle attività di Telefono Azzurro nella sua terra natale, la Sicilia. E dopo essersi  convinta sulla necessità e l’importanza della nostra presenza e delle nostre attività, ha abbracciato con passione la nostra causa, prendendo una decisione importante per lei e per noi: un testamento in cui lasciava parte del suo patrimonio a Telefono Azzurro.  
 
Grazie ad Irene, non soltanto  il Centro Territoriale di Palermo può  vedere assicurata la propria attività per i prossimi anni, ma tanti bambini avranno un futuro più sereno. Il suo è stato un gesto di solidarietà verso i bambini e adolescenti della sua terra; è stato un gesto di fiducia nella serietà e nell’impegno della nostra Associazione; ma soprattutto è stato un gesto d’amore che rimarrà indelebile per sempre. 
 
A nome di tutti i bambini che ne hanno beneficiato...
 
Grazie Irene
 

Contribuire ad aiutare i bambini in difficoltà lasciando un segno.

Donare a Telefono Azzurro vuol dire sostenere l’associazione nelle attività che da oltre venticinque anni porta avanti a favore di bambini e adolescenti. Lasciare una parte del proprio patrimonio, una somma in denaro, o qualsiasi altro tipo di proprietà a Telefono Azzurro significa dare una mano concreta ai bambini vittime di violenza, essere ricordati con gratitudine, lasciare una traccia sulla strada dei diritti dell’infanzia.
 
Nel 1989, Paesi di tutto il mondo hanno sottoscritto una Convenzione Onu che riconosce ai bambini diritti fondamentali come quello di vivere serenamente la loro età, il diritto allo studio, il diritto al gioco. Da allora molta strada è stata fatta e molta resta ancora da fare. Tanti diritti – anche nel nostro Paese – restano per ora solo sulla carta. Lasciare un contributo a Telefono Azzurro vuol dire essere sicuri che ci sarà sempre qualcuno che si batterà per renderli concreti.
 
Una donazione attraverso il testamento è esente da imposte di successione che viene cioè sottratta dal valore netto delle proprietà nel calcolo dell’ammontare delle imposte. Per esprimere la tua volontà, non devi per forza andare da un notaio, ma puoi scrivere un testamento olografo.
 
Telefono Azzurro mette a tua disposizione una guida completa su come effettuare un lascito e un servizio di consulenza legale, contattaci al numero verde 800.090.335 oppure scrivi via email a  lasciti@azzurro.it o via posta a: Servizio Legale – SOS Telefono Azzurro ONLUS – Via Emilia Est 411, 41122 Modena
 
Patrocinato da 
 

Come fare testamento

Redigendo il testamento potrai lasciare i tuoi beni o parte di essi a Telefono Azzurro.
Il testamento può essere redatto in qualsiasi momento da chiunque abbia compiuto 18 anni e sia capace di intendere e di volere ed è sempre modificabile e/o revocabile.
 
Puoi redigere il testamento scrivendolo per intero, datandolo (con indicazione di giorno mese e anno) e firmandolo di tuo pugno (c.d. “testamento olografo”). 
L’indicazione dei beni può essere generale (es: “lascio tutti i miei beni a Telefono Azzurro”) o specifica (es: “lascio la somma di euro ….. a Telefono Azzurro” oppure: “lascio l’immobile sito in via, numero civico, città a Telefono Azzurro”) e può riguardare qualsiasi tipo di bene.
 
Il testamento può essere conservato in un luogo sicuro che tu individuerai oppure consegnato ad una persona di cui ti fidi o a un notaio. Nel testamento puoi anche indicare una persona di fiducia che avrà il ruolo di esecutore testamentario, cioè si occuperà di eseguire le volontà che hai indicato nel testamento.
 
Ricordati che il testamento è un atto strettamente personale quindi non si può fare testamento congiuntivo, es: marito e moglie non possono redigere insieme un testamento. Ognuno deve redigere il proprio. Nel testamento devi fare salvi i diritti dei tuoi familiari più stretti (i c.d. “legittimari”: coniuge, figli, genitori), cioè le persone a favore delle quali la legge dispone che sia lasciata una quota della tua eredità. Puoi redigere anche un “testamento pubblico”, cioè davanti al notaio, alla presenza di due testimoni.
 
Puoi anche lasciare una polizza vita in favore di Telefono Azzurro: chi sottoscrive una polizza vita, recandosi presso la propria Società di Assicurazione, può scegliere liberamente il beneficiario, senza alcun vincolo, anche se ha eredi legittimari (coniuge, figli, genitori). L’indicazione del beneficiario può essere contestuale o successiva alla sottoscrizione della polizza.
 
Cosa succede se non fai testamento: in questo caso i tuoi beni si trasmetteranno automaticamente ai tuoi parenti e, se non ci sono parenti entro il sesto grado, la tua eredità andrà allo Stato.
 
N.B.: Tutti i lasciti a favore di Telefono Azzurro in caso di sinistri nelle polizze vita, donazioni, testamenti, sono esenti da tassazione ai sensi del D.Lgs. 346/1990, quindi tutto l’importo sarà devoluto a sostegno delle attività di Telefono Azzurro in difesa dei diritti dell’infanzia.
 
Se desideri avere maggiori informazioni contattaci al numero verde 800.090.335 oppure scrivi via email a lasciti@azzurro.it o via posta a: Servizio Legale – SOS Telefono Azzurro ONLUS – Via Emilia Est 411, 41122 Modena
 
 

Per saperne di più.

Hai domande da fare?  Consulta qui le FAQ per vedere se c’è la risposta che cerchi.
 

Patrocinato da