Eventi Traumatici


Che cos’è un “trauma”?

Milioni di bambini e adolescenti nel mondo sono coinvolti in eventi traumatici come abusi, incidenti d’auto o disastri naturali (ad es, terremoti e alluvioni.

Secondo un recente studio realizzato in diversi paesi del mondo, tra cui l’Italia, e pubblicato sul British Journal of Psychiatry circa il 38% degli adulti ha vissuto almeno un evento traumatico prima dei 18 anni (Kessler et al, 2010).
Nella maggior parte dei casi si tratta di maltrattamenti fisici e abusi sessuali.
 
Ma quando un evento della nostra vita diventa “traumatico”?
Si può definire psicologicamente traumatica un’esperienza “che supera le capacità di reagire di un individuo e lo lascia in preda alla paura. Una persona che vive un’esperienza traumatica si sente molto spesso sopraffatta emozionalmente, cognitivamente, fisicamente”.
Un evento è “traumatico” quando minaccia la salute e il benessere di un individuo, quando lo rende impotente di fronte a un pericolo, quando viola gli assunti di base della sopravvivenza ed evidenzia l’impossibilità di controllare e prevedere gli eventi.
 
È possibile distinguere gli eventi traumatici in tre categorie (Shaw, 2000):
  • eventi stressanti insiti nel ciclo di vita (ad es. la morte inaspettata di una persona cara, un disturbo cronico o una malattia ad uno stadio terminale);
  • disastri naturali (ad es. terremoti, alluvioni, incendi, eruzioni vulcaniche);
  • disastri o atti di violenza ad opera dell’uomo (ad es. guerre, attentati terroristici, abusi sessuali, fisici e psicologici, rapimenti e torture, incidenti automobilistici, aerei, ferroviari).

 

Hai trovato la risposta alla tua domanda?


Se non l’hai trovata, scrivici a letuedomande@azzurro.it.
Risponderemo al più presto alla tua email.
Se invece hai bisogno di un aiuto immediato chiamaci all'19696 o ch@atta con noi