Crisi economica


Come reagiscono?

Gli adolescenti italiani mostrano una certa sensibilità nell’osservare che questa è una problematica condivisa dalla nostra società, visibile in particolar modo agli occhi di coloro che hanno 15-18 anni: l’80,6% rispetto al 65,1% dei più piccoli (12-15 anni), come evidenziato nell’Indagine Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Italia 2012 di Telefono Azzurro ed Eurispes.

Gli adolescenti tra l’altro, non solo sono sensibili a ciò che accade, ma dimostrano la maturità di fare quanto possibile per aiutare e sostenere i genitori:  l’esigenza di uniformarsi ad uno stile di vita più sobrio è sentito in particolar modo dalle famiglie dei ragazzi più grandi, che sono anche quelli che riferiscono di aver adottato una maggiore accortezza nelle proprie spese. Basti pensare che 1 su 3 ha totalmente rinunciato alla propria paghetta (33,7%).
 
Come per i bambini, le difficoltà economiche preoccupano i ragazzi: un ragazzo su 10 ha spesso questa preoccupazione (11,2%), al 26% succede qualche volta di sentirla e al 29,7% raramente.
 
Il 30,5% dei ragazzi si dice spesso (10,2%) e a volte (20,3%) preso dalla preoccupazione per i problemi di lavoro dei propri genitori; un sentimento che, anche se raramente, interessa anche un altro 26,9% degli adolescenti. 
 

Hai trovato la risposta alla tua domanda?


Se non l’hai trovata, scrivici a letuedomande@azzurro.it.
Risponderemo al più presto alla tua email.
Se invece hai bisogno di un aiuto immediato chiamaci all'19696 o ch@atta con noi