Abuso e maltrattamento


Quali sono le possibili conseguenze di un abuso?

Innanzitutto è importante ricordare che non esiste una “sindrome del bambino abusato” per nessuna delle tipologie di abuso riportate. Gli esiti psicopatologici conseguenti ad un evento traumatico, quale può essere un abuso o un maltrattamento in età infantile, sono infatti aspecifici e non riconducibili in maniera inevitabile ad una forma particolare di abuso. Ad esempio, a differenza di quanto comunemente si pensi, i bambini che assistono ad episodi di violenza domestica mostrano sintomi e disturbi molto simili a quelli di bambini direttamente maltrattati o abusati.

Le conseguenze psicopatologiche derivanti da un abuso non sono predeterminate, ma dipendono dalla durata e dall’invasività dell’abuso subito, dall’eventuale compresenza di più forme di maltrattamento, dall’età del minore al momento dell’abuso, dalla presenza di eventuali fattori protettivi (es. supporto familiare), dal temperamento del bambino. 
 
L’esperienza di un abuso in età infantile può comunque rappresentare una condizione di rischio per una ampia gamma di disturbi e difficoltà di adattamento e può avere conseguenze psicopatologiche anche molto gravi. Occorre tuttavia ricordare che ogni caso è a sé e che non tutti i bambini vittime di abusi svilupperanno le stesse conseguenze. 

Il maltrattamento infantile è associato ad un elevato rischio di sviluppare episodi depressivi ricorrenti e persistenti (Nanni et al., 2011). L’abuso sessuale, in particolare, ha una relazione particolarmente forte e consistente con sintomi depressivi e ansiosi (Copeland et al, 2007; Caffo et al, 2005); è stata inoltre riscontrata un’associazione con i disturbi del comportamento (Smith et al, 2006). 
 

Hai trovato la risposta alla tua domanda?


Se non l’hai trovata, scrivici a letuedomande@azzurro.it.
Risponderemo al più presto alla tua email.
Se invece hai bisogno di un aiuto immediato chiamaci all'19696 o ch@atta con noi