Tetto Azzurro


Il Progetto “Tetto Azzurro” nasce nel 1999 e risponde allo specifico obiettivo di fornire le migliori cure ai bambini e adolescenti italiani e stranieri che hanno subito il trauma dell’abuso, strutture che garantiscono e ascoltano il minore.

 

Il Tetto Azzurro di Treviso

Nato nel 2005 come Centro Regionale, gestito da Telefono Azzurro,  si occupa di accoglienza, diagnosi e  cura di bambini e adolescenti, italiani e stranieri, vittime di abuso e maltrattamento.Il Centro offre servizi di consulenza agli operatori del territorio, valuta situazioni di maltrattamento o presunto abuso, prende in carico a livello educativo e terapeutico sia il bambino che la sua famiglia, offre consulenza legale.
 
Per informazioni e per entrare in contatto con gli operatori del Tetto Azzurro di Treviso:
Tetto Azzurro di Treviso
Via Isola di Mezzo, 33
31100 Treviso
Telefono 0422.574076 - Fax 0422.419317
 

Il Tetto Azzurro di Roma: un’esperienza da riprendere

Il Tetto Azzurro di Roma ha operato dal 1999 al 2010 come Centro Polifunzionale per l’accoglienza, la diagnosi e la cura dei bambini vittime di abuso e maltrattamento. Nell’ultimo biennio di servizio il centro – attivo 24 ore su 24 – ha svolto 57 valutazioni cliniche, 46 interventi a supporto dell’Autorità Giudiziaria con lo Spazio Neutro, 433 consulenze e ha gestito 92 casi, per un totale di 120 bambini coinvolti.
 
Durante questi 11 anni di attività, un Comitato Scientifico interistituzionale ha garantito l’eccellenza e il costante aggiornamento dei modelli applicati dal Tetto Azzurro; la collaborazione con centri internazionali che si occupano di abusi e traumi in età evolutiva ha permesso di utilizzare gli strumenti e le tecniche di intervento più innovative ed efficaci; la relazione con le Università, in particolare con La Sapienza di Roma, inoltre, ha reso possibile coniugare finalità operative di intervento e obiettivi di ricerca, elaborando e divulgando buone prassi per l’accoglienza, l’ascolto a fini giudiziari, la diagnosi e il trattamento.
 
Un patrimonio di competenze, collaborazioni ed esperienze che non possono andare perdute, e che hanno portato per esempio all’apertura di altri Centri come quello di Treviso, in collaborazione con la Regione Veneto.
 
Ecco perché nonostante la chiusura del Tetto Azzurro di Roma – a seguito del nuovo bando provinciale che prevedeva di fatto la soppressione di molte delle attività svolte dal Centro – Telefono Azzurro intende valorizzare e rilanciare il progetto, individuando le modalità più opportune per continuare a sviluppare la sua presenza nel territorio di Roma, nella sua Provincia e nella Regione Lazio.
 
Una regione dove, su 975.000 minori residenti, in un anno, circa 600 sono rimasti vittime di gravi forme di violenza. Un bambino o adolescente su 1600, quindi, è stato abusato o maltrattato. Nel 2008 solo nella città di Roma le richieste di assistenza ai Servizi Sociali per questo genere di casi hanno riguardato 2.108 minori, il 72% dei quali di nazionalità italiana (Fonte Anci). Un panorama allarmante, che fa riflettere sulla necessità di continuare ad investire in servizi di prevenzione, intervento e cura.
 
Per avere maggiori informazione sul Progetto “Tetto Azzurro” di Telefono Azzurro scarica il documento "Un tetto per amico - 11 anni di impegno per l'infanzia"